Area News

Tematiche trattate LEGALI - FISCALI - PSICOLOGICHE


Anche se l’ex moglie è benestante può avere diritto all’assegno divorzile

2/27/2016 Sentenze
Anche se l’ex moglie è benestante può avere diritto all’assegno divorzile

Il fatto che la donna percepisca un reddito che gli consenta di mantenere un tenore di vita dignitoso o agiato, ma non corrispondente a quello condotto durante la convivenza, matrimoniale, non influisce sul diritto di chiedere un’integrazione dell’assegno che sia volta a riequilibrare la situazione economico-sociale dell’ex coniuge.

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile, ordinanza n. 4335/12; depositata il 19 marzo)

 

Il caso.Moglie e marito si separano. I due conducono una vita agiata, possiedono immobili e partecipazioni societarie dalle quali ricavano il reddito sufficiente a mantenere un tenore di vita più che dignitoso. Con la separazione provvedono a dividere quel che è di loro proprietà.
La donna però, agisce ugualmente in giudizio chiedendo che le venga riconosciuto il diritto ad un assegno divorzile.
Il Tribunale accoglie la domanda, ma la Corte d’appello riforma la sentenza. Si arriva dunque in Cassazione dove la donna lamenta l’insufficiente e contraddittoria motivazione del diniego dell’assegno divorzile.
La Suprema Corte, con l’ordinanza n. 4335/12 depositata il 19 marzo scorso, accoglie il ricorso precisando quali siano, in casi come questo, le valutazioni che deve compiere il giudice di merito.
Per prima cosa è necessario valutare lo stile di vita.Il tenore di vita coniugale va identificato avendo riguardo allo standard di vita reso oggettivamente possibile dal complesso delle risorse economiche dei coniugi, tenendo quindi conto di tutte le potenzialità derivanti dalla titolarità del patrimonio in termini di redditività, di capacità di spesa, di garanzie di elevato benessere e di fondate aspettative per il futuro, e ben può essere desunto dalle potenzialità economiche dei coniugi, ossia dall’ammontare complessivo dei loro redditi e dalle loro disponibilità patrimoniali, originarie e sopravvenute.
Anche se l’ex coniuge è benestante, può ugualmente aver diritto all’assegno divorzile.Il fatto poi che il richiedente percepisca un reddito che gli consenta di mantenere un tenore di vita dignitoso o agiato, ma non corrispondente a quello condotto durante la convivenza, matrimoniale, non influisce sul diritto di chiedere un’integrazione dell’assegno che sia volta a riequilibrare la situazione economico-sociale dell’ex coniuge.
Possono aver rilievo anche i miglioramenti finanziari successivi alla cessazione della convivenza.Inoltre, è importante ribadire come il giudice che sia chiamato a decidere sull’attribuzione dell’assegno divorzile deve effettuare un esame comparativo della situazione reddituale e patrimoniale attuale del richiedente con quella della famiglia all’epoca della cessazione della convivenza, che tenga altresì conto dei miglioramenti della condizione finanziaria dell’onerato, anche se successivi alla cessazione della convivenza, i quali costituiscano sviluppi naturali e prevedibili dell’attività svolta durante il matrimonio.
Le valutazioni vanno effettuate con riguardo a tutte le reali disponibilità dei coniugi.Infine, la verifica del tenore di vita goduto dai coniugi in costanza di matrimonio impone un accertamento delle disponibilità patrimoniali dell’onerato per la cui valutazione non è possibile limitarsi alla considerazione del solo reddito emergente dalla documentazione fiscale prodotta, ma che impone la tenuta in conto di diversi elementi di ordine economico suscettibili di incidere sulle condizioni delle parti, come potrebbe essere la disponibilità di un consistente patrimonio mobiliare.
L’apprezzamento dei giudici di merito è lacunoso.Nel caso specifico, la Corte territoriale ha compiuto un incompleto apprezzamento del tenore di vita coniugale e delle condizioni economiche delle parti effettuando solamente una comparazione tra la fruttuosità del denaro percepito dalla donna in conseguenza della liquidazione delle sue partecipazioni societarie ed il reddito dichiarato dal marito omettendo di considerare il valore di tutte le ulteriori sostanze possedute dall’uomo accertabile anche a mezzo di indagini tecniche d’ufficio o tramite indagine di polizia tributaria.


Altre Notizie


La nuova clausola di inadempimento
2/28/2016
News Legali


Parificazione tra figli naturali e figli legittimi
2/27/2016
News Legali


Modifiche Codice Deontologico
2/27/2016
News Legali


La famiglia di fatto
2/26/2016
News Legali


IL NUOVO MODO PER SEPARARSI
3/23/2016
News Legali


IL P.S.R. SICILIA 2014-2020 GIOVANI IN AGRICOLTURA
3/30/2016
News Legali


Palermo, Ztl congelata dal Tar fino al 6 aprile. Il Comune fissa l'avvio al 15 aprile
4/30/2016
News Legali


Decreto ingiuntivo
3/31/2016
News Legali


Esenzione bollo certificati anagrafici
4/20/2016
News Legali


E' punibile ex art. 388 c.p. chi Impedisce all'altro genitore di vedere i figli
2/27/2016
Sentenze


Cassazione: il clima conflittuale tra coniugi non esclude lo stalking
2/27/2016
Sentenze


Cassazione, è reato di sostituzione di persona aprire caselle email a nome di altri
2/27/2016
Sentenze


Cassazione: la responsabilità dei genitori è quasi oggettiva ma è deterrente per chi trascura l'educazione dei figli
2/27/2016
Sentenze


Anche se l’ex moglie è benestante può avere diritto all’assegno divorzile
2/27/2016
Sentenze


Bye bye mantenimento ... se il convivente lavora
2/27/2016
Sentenze


Sul riconoscimento dei figli naturali. Aspetti generali- rapporti patrimoniali attribuzione cognome
2/27/2016
Sentenze


Stop al mantenimento del coniuge che si è creato una nuova famiglia
2/27/2016
Sentenze


Sì all’assegno divorzile anche se l’ex coniuge ha un proprio reddito
2/27/2016
Sentenze


Concede la casa in comodato al figlio e a sua moglie: la suocera non può recedere
2/27/2016
Sentenze


Il ritardo nel riconoscimento del figlio naturale non cancella gli obblighi del padre
2/27/2016
Sentenze


Telefono, parrucchiere ed estetista per la figlia: a che titolo il padre deve rimborsarne i costi?
2/27/2016
Sentenze


QUANDO UN GENITORE METTE IL FIGLIO CONTRO L'ALTRO GENITORE
2/27/2016
Sentenze


Firma falsa su un assegno? La banca deve risarcire
2/27/2016
Sentenze


Scatta l'addebito della separazione sulla base delle testimonianze rese dai figli
2/27/2016
Sentenze


ASSEGNO DI MANTENIMENTO OBBLIGATORIO ANCHE SE L’EX EREDITA UN PATRIMONIO IMMOBILIARE
2/27/2016
Sentenze


All'utilizzatore del bene concesso in leasing sono riconosciute tutte le azioni del proprietario
2/27/2016
Sentenze


Quota del coniuge in comunione dei beni: va rigettata l'istanza di vendita avanzata dal creditore
2/27/2016
Sentenze


Legittima l'installazione di pensiline se non danneggia le esigenze dei singoli condomini
2/27/2016
Sentenze


Possibile la revoca dell'adozione dopo la separazione
2/27/2016
Sentenze


Il motociclista cade perché la strada è piena di fango e detriti: responsabile l'Anas
2/27/2016
Sentenze


Quando un genitore mette il figlio contro l’altro genitore
2/27/2016
Sentenze


Il diritto al mantenimento del figlio può risorgere? “Sì, se viene meno l’indipendenza economica… e
2/27/2016
Sentenze


Mamma e nonno iperprotettivi, scatta il reato di maltrattamenti nei confronti del minore
2/27/2016
Sentenze


Cassazione: commette reato uomo che costringe convivente a praticare sesso spinto
2/27/2016
Sentenze


Giudice di Pace: le informazioni del servizio "SOS ricarica" violano il Codice del Consumo
2/27/2016
Sentenze


Violato l'affido condiviso, ma il giudice concorda: nel dubbio prevale la tutela del minore
2/27/2016
Sentenze


Il coniuge affidatario che mette il figlio contro l’altro genitore rischia una condanna
2/27/2016
Sentenze


L'affidamento congiunto dei figli
2/27/2016
Sentenze


Confermato il sequestro preventivo dell'articolo online asseritamente diffamatorio
2/27/2016
Sentenze


Le immissioni possono essere illecite anche se rientrano nelle soglie di legge
2/27/2016
Sentenze