Area News

Tematiche trattate LEGALI - FISCALI - PSICOLOGICHE


Stop al mantenimento del coniuge che si è creato una nuova famiglia

2/27/2016 Sentenze
Stop al mantenimento del coniuge che si è creato una nuova famiglia

Finalmente un nuovo senso di equità sociale e di riguardo alle condizioni di vita dell’ex partner ha prevalso ed ha permesso di prendere in considerazione quelle realtà di convivenza more uxorio, instaurate dopo la separazione, che la precedente giurisprudenza fingeva di non vedere, ignorando la misura in cui le nuove famiglie agevolavano economicamente il partner beneficiario del mantenimento.
Il caso. La fattispecie non è nuova nei nostri tribunali. Anche in questo caso il marito, onerato di versare il mantenimento alla moglie, si è trovato ad un certo punto davanti alla nuova convivenza della ex consorte che, di fatto, con caratteri di stabilità, si era formata un’altra famiglia ed aveva partorito un figlio con il nuovo compagno.
Benché debba considerarsi sacrosanto e più che legittimo il dovere di provvedere e di assistere il coniuge più debole anche dopo la separazione, proprio per quel legame che non è ancora sciolto, per quel sentimento di solidarietà, di equità sociale e di rispetto della dignità umana riconosciuto dalla Costituzione e dal codice civile, l’applicazione cieca ed indiscriminata di tale dovere ha portato, nel corso del tempo, a dei paradossi come quello del caso di specie, dove l’ex marito si trova di fatto a mantenere la nuova famiglia della ex consorte.
Chi intraprende una nuova convivenza trae dei benefici economici. Il Tribunale di Lamezia Terme, con il decreto del 1 dicembre scorso, accogliendo il ricorso per la modifica delle condizioni di separazione presentato dal marito, si è pronunciato richiamandosi ai principi suddetti e rilevando che «è ormai noto che il coniuge che intraprende una nuova convivenza trae dei benefici economici, se non altro in quanto può condividere le spese di ordinaria amministrazione, al contrario del coniuge rimasto solo, il quale deve affrontare, oltre alle spese di ordinaria amministrazione, anche quelle relative al mantenimento dell’ex coniuge e degli eventuali figli. Pertanto, nel caso in cui il coniuge avente diritto all’assegno instauri una nuova relazione di fatto, qualificabile come convivenza more uxorio, il coniuge onerato ha diritto alla soppressione o riduzione dell’assegno di mantenimento».
Equità per entrambi i coniugi. Non si può parlare di equità se questa è sempre a senso unico. Un senso di giustizia e di rispetto per entrambi i coniugi impone di considerare anche quelle realtà che di fatto modificano le condizioni di vita ed economiche delle parti, soprattutto quando queste sono conseguenti a nuove scelte di vita e a nuovi legami stabilmente instaurati dal beneficiario del mantenimento.
Infatti, se scopo dell’assegno è quello di garantire all’ex coniuge un tenore di vita analogo a quello goduto in costanza di matrimonio, ovvero quello di garantire quella sicurezza e stabilità economica connessa e conseguente al principio di solidarietà e di assistenza reciproca dei coniugi, non ha più senso parlarne quando il beneficiario ha di fatto formato un nuovo nucleo familiare, fondato anche quest’ultimo su un progetto e un modello di vita comune con il nuovo compagno ed analogo a quello che caratterizza una famiglia fondata sul matrimonio.
C’è anche chi si è spinto oltre a tali interpretazioni, pronunciandosi nel senso che è addirittura dovere del coniuge che ricostituisce un nuovo nucleo familiare consentire una riduzione del mantenimento che sostiene l’onerato rimasto solo, non solo per garantire a quest’ultimo uguali condizioni di vita, ma sopratutto per consentire un impiego delle proprie risorse a vantaggio di interessi superiori come quello, per esempio, del mantenimento della prole che, indubbiamente, può solo trarre vantaggio da un maggiore benessere economico del genitore.
Se muta la condizione economica o personale, viene meno il riferimento al pregresso tenore di vita. Tutto quanto premesso, il Tribunale, aderendo all’ultimo orientamento della Cassazione (sent. n. 17195/11), ha ritenuto che il parametro di adeguatezza dei mezzi rispetto al tenore di vita goduto durante la convivenza matrimoniale da uno dei partner viene meno di fronte all’esistenza di una nuova famiglia, ancorché di fatto. Pertanto, a fronte del mutamento dei legami personali/familiari ed economici, si rescinde ogni connessione con il tenore e il modello di vita caratterizzanti la pregressa fase di convivenza matrimoniale e con ciò ogni presupposto per la riconoscibilità dell’assegno di mantenimento.

 


Altre Notizie


La nuova clausola di inadempimento
2/28/2016
News Legali


Parificazione tra figli naturali e figli legittimi
2/27/2016
News Legali


Modifiche Codice Deontologico
2/27/2016
News Legali


La famiglia di fatto
2/26/2016
News Legali


IL NUOVO MODO PER SEPARARSI
3/23/2016
News Legali


IL P.S.R. SICILIA 2014-2020 GIOVANI IN AGRICOLTURA
3/30/2016
News Legali


Palermo, Ztl congelata dal Tar fino al 6 aprile. Il Comune fissa l'avvio al 15 aprile
4/30/2016
News Legali


Decreto ingiuntivo
3/31/2016
News Legali


Esenzione bollo certificati anagrafici
4/20/2016
News Legali


E' punibile ex art. 388 c.p. chi Impedisce all'altro genitore di vedere i figli
2/27/2016
Sentenze


Cassazione: il clima conflittuale tra coniugi non esclude lo stalking
2/27/2016
Sentenze


Cassazione, è reato di sostituzione di persona aprire caselle email a nome di altri
2/27/2016
Sentenze


Cassazione: la responsabilità dei genitori è quasi oggettiva ma è deterrente per chi trascura l'educazione dei figli
2/27/2016
Sentenze


Anche se l’ex moglie è benestante può avere diritto all’assegno divorzile
2/27/2016
Sentenze


Bye bye mantenimento ... se il convivente lavora
2/27/2016
Sentenze


Sul riconoscimento dei figli naturali. Aspetti generali- rapporti patrimoniali attribuzione cognome
2/27/2016
Sentenze


Stop al mantenimento del coniuge che si è creato una nuova famiglia
2/27/2016
Sentenze


Sì all’assegno divorzile anche se l’ex coniuge ha un proprio reddito
2/27/2016
Sentenze


Concede la casa in comodato al figlio e a sua moglie: la suocera non può recedere
2/27/2016
Sentenze


Il ritardo nel riconoscimento del figlio naturale non cancella gli obblighi del padre
2/27/2016
Sentenze


Telefono, parrucchiere ed estetista per la figlia: a che titolo il padre deve rimborsarne i costi?
2/27/2016
Sentenze


QUANDO UN GENITORE METTE IL FIGLIO CONTRO L'ALTRO GENITORE
2/27/2016
Sentenze


Firma falsa su un assegno? La banca deve risarcire
2/27/2016
Sentenze


Scatta l'addebito della separazione sulla base delle testimonianze rese dai figli
2/27/2016
Sentenze


ASSEGNO DI MANTENIMENTO OBBLIGATORIO ANCHE SE L’EX EREDITA UN PATRIMONIO IMMOBILIARE
2/27/2016
Sentenze


All'utilizzatore del bene concesso in leasing sono riconosciute tutte le azioni del proprietario
2/27/2016
Sentenze


Quota del coniuge in comunione dei beni: va rigettata l'istanza di vendita avanzata dal creditore
2/27/2016
Sentenze


Legittima l'installazione di pensiline se non danneggia le esigenze dei singoli condomini
2/27/2016
Sentenze


Possibile la revoca dell'adozione dopo la separazione
2/27/2016
Sentenze


Il motociclista cade perché la strada è piena di fango e detriti: responsabile l'Anas
2/27/2016
Sentenze


Quando un genitore mette il figlio contro l’altro genitore
2/27/2016
Sentenze


Il diritto al mantenimento del figlio può risorgere? “Sì, se viene meno l’indipendenza economica… e
2/27/2016
Sentenze


Mamma e nonno iperprotettivi, scatta il reato di maltrattamenti nei confronti del minore
2/27/2016
Sentenze


Cassazione: commette reato uomo che costringe convivente a praticare sesso spinto
2/27/2016
Sentenze


Giudice di Pace: le informazioni del servizio "SOS ricarica" violano il Codice del Consumo
2/27/2016
Sentenze


Violato l'affido condiviso, ma il giudice concorda: nel dubbio prevale la tutela del minore
2/27/2016
Sentenze


Il coniuge affidatario che mette il figlio contro l’altro genitore rischia una condanna
2/27/2016
Sentenze


L'affidamento congiunto dei figli
2/27/2016
Sentenze


Confermato il sequestro preventivo dell'articolo online asseritamente diffamatorio
2/27/2016
Sentenze


Le immissioni possono essere illecite anche se rientrano nelle soglie di legge
2/27/2016
Sentenze