Area News

Tematiche trattate LEGALI - FISCALI - PSICOLOGICHE


Il motociclista cade perché la strada è piena di fango e detriti: responsabile l'Anas

2/27/2016 Sentenze
Il motociclista cade perché la strada è piena di fango e detriti: responsabile l'Anas

L’evento dannoso occorso a dei motociclisti non può essere ritenuto imprevedibile e inevitabile se provocato da fango, sterpaglie e altri detriti presenti sulla strada dopo abbondanti piogge: l’Anas è responsabile ex art. 2051 c.c. per non aver esercitato il dovuto controllo sulla rete viaria di cui è custode. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 21508 del 18 ottobre.
La fattispecie. Mentre percorrevano un tratto di strada statale a bordo di una Vespa, due persone cadevano e, in seguito, chiedevano il risarcimento dei danni all’Anas, attribuendo all’Ente la responsabilità del sinistro, per non aver fatto rimuovere fango, sterpaglie e sabbia accumulatisi sulla strada a seguito di abbondanti piogge. La Corte d’appello, in riforma della sentenza di primo grado, riconosceva la responsabilità ex art. 2051 c.c. dell’ente, che proponeva ricorso per cassazione.
La responsabilità per cose in custodia si presume. Nel caso di specie trova applicazione la disciplina del citato art. 2051 sulle cose in custodia, in base alla quale ciascuno è responsabile delle cose che ha in custodia se non prova il caso fortuito, ovvero che l’evento dannoso presenta i caratteri di imprevedibilità e dell’inevitabilità.
Quali sono i limiti alla responsabilità dell’ente tenuto a gestire le strade? L’Anas lamenta che la sentenza non avrebbe considerato l’impossibilità, per il gestore di strade pubbliche di notevole estensione, di operare un controllo costante e uniforme, con conseguente disapplicazione della responsabilità ex art. 2051 c.c.
Si tratta di censure infondate, perché la S.C., richiamando precedenti di legittimità, ricorda che il fattore decisivo per l’applicabilità della disciplina in oggetto risiede nella possibilità del custode di esercitare o meno il potere di controllo e vigilanza sui beni demaniali, ma al fine di escludere tale responsabilità non rileva unicamente la notevole estensione del bene, come sostiene il ricorrente, quanto piuttosto una serie di elementi complessivamente considerati, all’esito di un’indagine di competenza dei giudici di merito.
Il fango è un fattore di rischio conosciuto: il custode aveva l’obbligo di controllare lo stato della strada dopo piogge copiose. Venendo all’esame del caso concreto, la S.C. condivide le argomentazioni della sentenza impugnata, rilevando che nonostante l’estensione della strada statale, il custode doveva ritenersi obbligato a controllarne lo stato, dopo che piogge abbondanti si erano abbattute sul territorio, al fine di impedire l’insorgenza di cause di pericolo per gli utenti: «la presenza di fango e detriti a seguito di pioggia torrenziale rappresentava fattore di rischio conosciuto o conoscibile a priori dal custode». A maggior ragione visto che si trattava di un’arteria importante e trafficata, sulla quale, dunque, doveva considerarsi ancor più necessario un intervento manutentivo diretto alla rimozione dei detriti dalla sede stradale o quantomeno alla predisposizione di idonee segnalazioni di pericolo.
In assenza di tutti questi interventi, insomma, l’evento dannoso non poteva essere qualificato come imprevedibile o inevitabile, e l’Anas non può invocare la scriminante dell’impossibilità di esercitare un controllo continuo sulla rete stradale a causa della sua eccessiva ampiezza. Il ricorso, insomma, viene cassato.

Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza n. 21508/1; depositata il 18 ottobre


Altre Notizie


La nuova clausola di inadempimento
2/28/2016
News Legali


Parificazione tra figli naturali e figli legittimi
2/27/2016
News Legali


Modifiche Codice Deontologico
2/27/2016
News Legali


La famiglia di fatto
2/26/2016
News Legali


IL NUOVO MODO PER SEPARARSI
3/23/2016
News Legali


IL P.S.R. SICILIA 2014-2020 GIOVANI IN AGRICOLTURA
3/30/2016
News Legali


Palermo, Ztl congelata dal Tar fino al 6 aprile. Il Comune fissa l'avvio al 15 aprile
4/30/2016
News Legali


Decreto ingiuntivo
3/31/2016
News Legali


Esenzione bollo certificati anagrafici
4/20/2016
News Legali


E' punibile ex art. 388 c.p. chi Impedisce all'altro genitore di vedere i figli
2/27/2016
Sentenze


Cassazione: il clima conflittuale tra coniugi non esclude lo stalking
2/27/2016
Sentenze


Cassazione, è reato di sostituzione di persona aprire caselle email a nome di altri
2/27/2016
Sentenze


Cassazione: la responsabilità dei genitori è quasi oggettiva ma è deterrente per chi trascura l'educazione dei figli
2/27/2016
Sentenze


Anche se l’ex moglie è benestante può avere diritto all’assegno divorzile
2/27/2016
Sentenze


Bye bye mantenimento ... se il convivente lavora
2/27/2016
Sentenze


Sul riconoscimento dei figli naturali. Aspetti generali- rapporti patrimoniali attribuzione cognome
2/27/2016
Sentenze


Stop al mantenimento del coniuge che si è creato una nuova famiglia
2/27/2016
Sentenze


Sì all’assegno divorzile anche se l’ex coniuge ha un proprio reddito
2/27/2016
Sentenze


Concede la casa in comodato al figlio e a sua moglie: la suocera non può recedere
2/27/2016
Sentenze


Il ritardo nel riconoscimento del figlio naturale non cancella gli obblighi del padre
2/27/2016
Sentenze


Telefono, parrucchiere ed estetista per la figlia: a che titolo il padre deve rimborsarne i costi?
2/27/2016
Sentenze


QUANDO UN GENITORE METTE IL FIGLIO CONTRO L'ALTRO GENITORE
2/27/2016
Sentenze


Firma falsa su un assegno? La banca deve risarcire
2/27/2016
Sentenze


Scatta l'addebito della separazione sulla base delle testimonianze rese dai figli
2/27/2016
Sentenze


ASSEGNO DI MANTENIMENTO OBBLIGATORIO ANCHE SE L’EX EREDITA UN PATRIMONIO IMMOBILIARE
2/27/2016
Sentenze


All'utilizzatore del bene concesso in leasing sono riconosciute tutte le azioni del proprietario
2/27/2016
Sentenze


Quota del coniuge in comunione dei beni: va rigettata l'istanza di vendita avanzata dal creditore
2/27/2016
Sentenze


Legittima l'installazione di pensiline se non danneggia le esigenze dei singoli condomini
2/27/2016
Sentenze


Possibile la revoca dell'adozione dopo la separazione
2/27/2016
Sentenze


Il motociclista cade perché la strada è piena di fango e detriti: responsabile l'Anas
2/27/2016
Sentenze


Quando un genitore mette il figlio contro l’altro genitore
2/27/2016
Sentenze


Il diritto al mantenimento del figlio può risorgere? “Sì, se viene meno l’indipendenza economica… e
2/27/2016
Sentenze


Mamma e nonno iperprotettivi, scatta il reato di maltrattamenti nei confronti del minore
2/27/2016
Sentenze


Cassazione: commette reato uomo che costringe convivente a praticare sesso spinto
2/27/2016
Sentenze


Giudice di Pace: le informazioni del servizio "SOS ricarica" violano il Codice del Consumo
2/27/2016
Sentenze


Violato l'affido condiviso, ma il giudice concorda: nel dubbio prevale la tutela del minore
2/27/2016
Sentenze


Il coniuge affidatario che mette il figlio contro l’altro genitore rischia una condanna
2/27/2016
Sentenze


L'affidamento congiunto dei figli
2/27/2016
Sentenze


Confermato il sequestro preventivo dell'articolo online asseritamente diffamatorio
2/27/2016
Sentenze


Le immissioni possono essere illecite anche se rientrano nelle soglie di legge
2/27/2016
Sentenze