Area News

Tematiche trattate LEGALI - FISCALI - PSICOLOGICHE


Il diritto al mantenimento del figlio può risorgere? “Sì, se viene meno l’indipendenza economica… e

2/27/2016 Sentenze
Il diritto al mantenimento del figlio può risorgere? “Sì, se viene meno l’indipendenza economica… e

Con la sentenza n. 19589 del 26 settembre 2011 la Cassazione torna ad argomentare in tema di assegno di mantenimento a favore dei figli.

In particolare, la vicenda processuale trae origine dalla richiesta di un padre di vedere dichiarato estinto l’obbligo di mantenimento dei due figli, oramai maggiorenni.

Tra l’altro, uno assunto a tempo indeterminato. e l’altro già titolare di un esercizio commerciale, peraltro poi chiuso.

Se relativamente al figlio con un’occupazione stabile c’è stato poco da discutere (a parte sottolineare che in tutti i gradi del giudizio, e quindi anche gli Ermellini, hanno respinto la richiesta di dichiarazione estintiva ex tunc, ovvero da una data anteriore al deposito del ricorso per le modifiche delle condizioni di separazione), più interessante e potenzialmente controversa è la posizione dell’altro figlio.

Sto parlando di colui che, un tempo titolare di una attività economica, abbia chiuso la stessa e si trovi pertanto in stato di disoccupazione.

Mentre in primo grado era stato ritenuto sussistente l’obbligo di mantenimento a favore del figlio, i giudici d’appello avevano invece negato tale obbligo, riportandosi alle motivazioni delle sentenze n. 4373 del 1998 e 12477 del 2004 della Cassazione. Nello specifico è stato affermato che “il mantenimento del figlio maggiorenne convivente è da escludere quando quest’ultimo, ancorchè allo stato non autosufficiente economicamente, abbia in passato espletato attività lavorativa”.

La Cassazione ribalta il pronunciamento dei giudici d’appello.

Dapprima viene ribadito il principio per cui “l’obbligo dei genitori di concorrere al mantenimento dei figli, ai sensi degli artt. 147 e 148 cod. civ., non cessa, ipso facto, con il raggiungimento della loro maggiore età – come ora codificato dall’art.155-quinquies, primo comma, cod. civ.,” e poi ricordato che lo stesso obbligo “perdura immutato, finchè il genitore interessato alla declaratoria della cessazione dell’obbligo stesso non dia la prova che il figlio ha raggiunto l’indipendenza economica, ovvero che il mancato svolgimento di un’attività economica dipende da un comportamento inerte o di rifiuto ingiustificato dello stesso”.

Quindi in caso di indipendenza economica “persa”, ove non venga dimostrato appunto il comportamento passivo o comunque ingiustificato del figlio, può “risorgere” il diritto del figlio al contributo di mantenimento.

Sussiste quindi in capo al genitore che voglia vedere dichiarato estinto il proprio obbligo un doppio onere probatorio in caso di mancata indipendenza economica sopravvenuta:

1) la dimostrazione dell’inizio dell’attività economica (o dell’occupazione) del figlio;

2) la dimostrazione che il successivo stato di disoccupazione sia dipeso da un comportamento attribuibile allo stesso soggetto.

Tra l’altro, uno assunto a tempo indeterminato. e l’altro già titolare di un esercizio commerciale, peraltro poi chiuso.

Se relativamente al figlio con un’occupazione stabile c’è stato poco da discutere (a parte sottolineare che in tutti i gradi del giudizio, e quindi anche gli Ermellini, hanno respinto la richiesta di dichiarazione estintiva ex tunc, ovvero da una data anteriore al deposito del ricorso per le modifiche delle condizioni di separazione), più interessante e potenzialmente controversa è la posizione dell’altro figlio.

Sto parlando di colui che, un tempo titolare di una attività economica, abbia chiuso la stessa e si trovi pertanto in stato di disoccupazione.

Mentre in primo grado era stato ritenuto sussistente l’obbligo di mantenimento a favore del figlio, i giudici d’appello avevano invece negato tale obbligo, riportandosi alle motivazioni delle sentenze n. 4373 del 1998 e 12477 del 2004 della Cassazione. Nello specifico è stato affermato che “il mantenimento del figlio maggiorenne convivente è da escludere quando quest’ultimo, ancorchè allo stato non autosufficiente economicamente, abbia in passato espletato attività lavorativa”.

La Cassazione ribalta il pronunciamento dei giudici d’appello.

Dapprima viene ribadito il principio per cui “l’obbligo dei genitori di concorrere al mantenimento dei figli, ai sensi degli artt. 147 e 148 cod. civ., non cessa, ipso facto, con il raggiungimento della loro maggiore età – come ora codificato dall’art.155-quinquies, primo comma, cod. civ.,” e poi ricordato che lo stesso obbligo “perdura immutato, finchè il genitore interessato alla declaratoria della cessazione dell’obbligo stesso non dia la prova che il figlio ha raggiunto l’indipendenza economica, ovvero che il mancato svolgimento di un’attività economica dipende da un comportamento inerte o di rifiuto ingiustificato dello stesso”.

Quindi in caso di indipendenza economica “persa”, ove non venga dimostrato appunto il comportamento passivo o comunque ingiustificato del figlio, può “risorgere” il diritto del figlio al contributo di mantenimento.

Sussiste quindi in capo al genitore che voglia vedere dichiarato estinto il proprio obbligo un doppio onere probatorio in caso di mancata indipendenza economica sopravvenuta:

1) la dimostrazione dell’inizio dell’attività economica (o dell’occupazione) del figlio;

2) la dimostrazione che il successivo stato di disoccupazione sia dipeso da un comportamento attribuibile allo stesso soggetto.

 


Altre Notizie


La nuova clausola di inadempimento
2/28/2016
News Legali


Parificazione tra figli naturali e figli legittimi
2/27/2016
News Legali


Modifiche Codice Deontologico
2/27/2016
News Legali


La famiglia di fatto
2/26/2016
News Legali


IL NUOVO MODO PER SEPARARSI
3/23/2016
News Legali


IL P.S.R. SICILIA 2014-2020 GIOVANI IN AGRICOLTURA
3/30/2016
News Legali


Palermo, Ztl congelata dal Tar fino al 6 aprile. Il Comune fissa l'avvio al 15 aprile
4/30/2016
News Legali


Decreto ingiuntivo
3/31/2016
News Legali


Esenzione bollo certificati anagrafici
4/20/2016
News Legali


E' punibile ex art. 388 c.p. chi Impedisce all'altro genitore di vedere i figli
2/27/2016
Sentenze


Cassazione: il clima conflittuale tra coniugi non esclude lo stalking
2/27/2016
Sentenze


Cassazione, è reato di sostituzione di persona aprire caselle email a nome di altri
2/27/2016
Sentenze


Cassazione: la responsabilità dei genitori è quasi oggettiva ma è deterrente per chi trascura l'educazione dei figli
2/27/2016
Sentenze


Anche se l’ex moglie è benestante può avere diritto all’assegno divorzile
2/27/2016
Sentenze


Bye bye mantenimento ... se il convivente lavora
2/27/2016
Sentenze


Sul riconoscimento dei figli naturali. Aspetti generali- rapporti patrimoniali attribuzione cognome
2/27/2016
Sentenze


Stop al mantenimento del coniuge che si è creato una nuova famiglia
2/27/2016
Sentenze


Sì all’assegno divorzile anche se l’ex coniuge ha un proprio reddito
2/27/2016
Sentenze


Concede la casa in comodato al figlio e a sua moglie: la suocera non può recedere
2/27/2016
Sentenze


Il ritardo nel riconoscimento del figlio naturale non cancella gli obblighi del padre
2/27/2016
Sentenze


Telefono, parrucchiere ed estetista per la figlia: a che titolo il padre deve rimborsarne i costi?
2/27/2016
Sentenze


QUANDO UN GENITORE METTE IL FIGLIO CONTRO L'ALTRO GENITORE
2/27/2016
Sentenze


Firma falsa su un assegno? La banca deve risarcire
2/27/2016
Sentenze


Scatta l'addebito della separazione sulla base delle testimonianze rese dai figli
2/27/2016
Sentenze


ASSEGNO DI MANTENIMENTO OBBLIGATORIO ANCHE SE L’EX EREDITA UN PATRIMONIO IMMOBILIARE
2/27/2016
Sentenze


All'utilizzatore del bene concesso in leasing sono riconosciute tutte le azioni del proprietario
2/27/2016
Sentenze


Quota del coniuge in comunione dei beni: va rigettata l'istanza di vendita avanzata dal creditore
2/27/2016
Sentenze


Legittima l'installazione di pensiline se non danneggia le esigenze dei singoli condomini
2/27/2016
Sentenze


Possibile la revoca dell'adozione dopo la separazione
2/27/2016
Sentenze


Il motociclista cade perché la strada è piena di fango e detriti: responsabile l'Anas
2/27/2016
Sentenze


Quando un genitore mette il figlio contro l’altro genitore
2/27/2016
Sentenze


Il diritto al mantenimento del figlio può risorgere? “Sì, se viene meno l’indipendenza economica… e
2/27/2016
Sentenze


Mamma e nonno iperprotettivi, scatta il reato di maltrattamenti nei confronti del minore
2/27/2016
Sentenze


Cassazione: commette reato uomo che costringe convivente a praticare sesso spinto
2/27/2016
Sentenze


Giudice di Pace: le informazioni del servizio "SOS ricarica" violano il Codice del Consumo
2/27/2016
Sentenze


Violato l'affido condiviso, ma il giudice concorda: nel dubbio prevale la tutela del minore
2/27/2016
Sentenze


Il coniuge affidatario che mette il figlio contro l’altro genitore rischia una condanna
2/27/2016
Sentenze


L'affidamento congiunto dei figli
2/27/2016
Sentenze


Confermato il sequestro preventivo dell'articolo online asseritamente diffamatorio
2/27/2016
Sentenze


Le immissioni possono essere illecite anche se rientrano nelle soglie di legge
2/27/2016
Sentenze